10 agosto 20 - MBUJI MAYI: UNA GOCCIA DI SPERANZA

Mbuji Mayi è il capoluogo del Kasai Orientale e uno dei principali centri dell'industria diamantifera della Repubblica Democratica del Congo. In città vivono più di tre milioni di abitanti, dei quali più del 75%  sopravvive con meno di 0,20$ al giorno. La media di vita è di 42 anni; più del 70% della popolazione ha meno di 28 anni e il 52% meno di 21 anni. I servizi medici della zona sono insufficienti e costosi e si registrano 1.289 decessi materni per ogni 100.000 nascite.

La malnutrizione dei bambini raggiunge il 40% e quella delle mamme più del 30%. Sono poche le famiglie in cui si mangia regolarmente ogni giorno, in quanto la maggior parte dei genitori non ha un lavoro stabile, vive di piccoli commerci o di lavori sotto pagati.
Le condizioni economiche disastrose spingono alcune madri sole, abbandonate dai mariti, ad affidare alle strutture sanitarie o alle missioni i figli più piccoli, perchè non ce la fanno a sfamare tutti.

Il Centro Muetu Don Bosco di Mbuji Mayi è stato fondato dai Salesiani nel 1995 e si trova in una delle zone più povere della città, nel quartiere di Makala della periferia ovest. Gli abitanti sono più di 200.000 e provengono per lo più dallo Stato del Katanga, da cui sono fuggiti in seguito a conflitti interni prima degli anni 2000. Presso il Centro, i Salesiani gestiscono una parrocchia frequentata da più di 20.000 famiglie e un oratorio con oltre 2.000 bambini, ragazzi e giovani. Inoltre, hanno un istituto scolastico con con più di 1.800 alunni che comprende un asilo e un primo livello di scuola materna; la scuola elementare; le classi di recupero scolastico e alfabetizzazione, destinate a ragazzi e giovani mai o poco scolarizzati che in tre anni compiono il percorso della scuola primaria e possono presentarsi all'esame per ottenere il certificato di scuola elementare; la scuola superiore con indirizzo pedagogico e scientifico; lna scuola di formazione professionale con sei corsi in edilizia, costruzioni, falegnameria, saldatura, taglio e cucito.

Sono numerose le madri sole che si rivolgono al Centro Muetu Don Bosco per chiedere di potere affidare i propri figli neonati o piccolissimi, per i quali non riescono a provvedere in termini di cura e alimentazione.
Il Centro, grazie ad un primo contributo di € 5.000,00 della Fondazione Opera Don Bosco onlus, ha implementato un servizio di distribuzione settimanale di latte in polvere per neonati e di visite e prime cure mediche a mamma e bambino, che a oggi coinvolge più di 80 bambini.
Questo servizio permette ai bambini assistiti di sopravvivere e garantisce la possibilità rimanere con la propria famiglia: «Una goccia di speranza, in un mare di sofferenza!».

Data la delicata situazione legata alla pandemia, è stato attivato anche un servizio di distribuzione dell'acqua potabile alle famiglie, sempre più scarsa in questo periodo.

Questi bambini hanno bisogno anche di te,
DONA IL TUO CONTRIBUTO PER I BAMBINI DI MBUJI MAYI: https://tinyurl.com/y4965pfg