22 maggio 15 - NEWS DA ABOBO HEALTH CENTER - ETIOPIA

Oggi abbiamo incontrato la Dott.ssa Maria Teresa Reale, di passaggio in Italia per alcuni giorni, in visita ai propri familiari. È originaria della Parrocchia Salesiana di Sesto San Giovanni (MI), membro della Famiglia Salesiana, da circa vent'anni è a servizio dei più poveri dell'Etiopia con la propria competenza medica. Insieme ad altri medici volontari gestisce l'Health Center di Abobo, località situata nel Gambela National Park, a metà strada tra Gambela e Pugnido, nella zona Ovest dell'Etiopia.
Maria Teresa ci ha aggiornato sulla situazione locale e sull'attività del Centro.
«Le difficoltà economico politiche dell'Etiopia, la situazione di crisi economica mondiale e la necessità di chiarire l'identità dell'Health Center di Abobo, hanno spinto lo staff direttivo del Centro a dedicare, contemporaneamente all'attività sanitaria quotidiana, un anno di lavoro di discernimento e ripensamento del senso di questa presenza.
Oggi, Abobo Health Center - Catholich Church Project con il suo staff medico e con più di 50 membri di personale sanitario e non, offre un servizio a circa 22.000 persone della zona come beneficiari diretti e oltre 200.000 persone come beneficiari indiretti. Questi ultimi provenienti da distretti differenti, nei quali non c'è un servizio sanitario o non è adeguato e sufficiente.
Questo lavoro di riflessione ha imposto di saper dividere tra ciò che è personale e proprio di ciascun individuo e i reali bisogni della popolazione locale. Inoltre, ha portato alla scelta di rinnovare per altri due anni l'impegno e il progetto dell'Health Center.
Una scelta "a tempo", perché le difficoltà del momento impongono ad un gruppo di persone, che non ha una forma giuridica ben definita, ma solo una forte spinta motivazionale e la certezza di rispondere ad una vocazione, di non programmare troppo in là nel tempo.
Il gruppo si è dato l'obiettivo di far crescere sempre di più i giovani di Abobo, spogliandosi dal ruolo di protagonisti dell'azione medico-sanitaria diretta e indossando i panni dei formatori.
Per svolgere degnamente questo lavoro formativo bisogna essere coscienti che il lavoro diretto su coloro che hanno necessità di cure e di intervento verrà ridotto, sapendo che si sta investendo per il futuro di tutti, non solo della zona di Abobo, ma anche dell'Etiopia stessa!
La pretesa non è quella di generare medici in poco tempo, ma è quella di seminare esperienze, conoscenze e competenze, sperando che queste germinino non tanto per la bravura di chi semina, ma per merito del buon Dio che innaffia!
L'atteggiamento di saper essere coloro che accompagnano gli altri nella crescita e non pretendono di essere solo loro a salvare il mondo, non è facile da apprendere e, sopratutto, richiede tempo e maturazione!
Ciò che ci conforta è vedere come, di pari passo al miglioramento dello stato di salute della popolazione locale e del cammino di crescita delle competenze di alcuni giovani nell'ambito della materia sanitaria, aumenta anche il numero di giovani che si avvicina alla fede cattolica e chiede di essere battezzata.
Un altro passaggio di maturazione sarà sperimentato questa estate: non ci saranno giovani volontari provenienti dall'Italia ad animare le attività dell'oratorio di Abobo, ma saranno i giovani locali a sperimentarsi in questo servizio ai più piccoli.
C'è un ultimo elemento significativo che caratterizza questo momento storico che stiamo vivendo ad Abobo: abbiamo calcolato un budget preventivo per i prossimi due anni di attività del Centro, fino alla fine del 2016. Un budget che prevede i costi per il salario e la formazione del personale (più di 50 persone), l'acquisto dei farmaci, dell materiale medico e paramedico e l'attività gestionale.
Per la prima volta ci sarà un piccolo contributo del governo locale, l'unico in tutto il Paese concesso ad una realtà cattolica! Un contributo simbolicamente enorme, anche se economicamente molto piccolo rispetto ai reali costi del servizio che il Centro garantisce alla popolazione Anuak e non solo: il resto dipende tutto dal sostegno di amici e benefattori!

Grazie di cuore per tutto quello che riuscirete a fare!
»


Maria Teresa